Flint, Michigan 1936-2016

Flint è una delle città simbolo della parabola di ascesa e declino dell’industria dell’auto, ed anche un luogo simbolo della storia del movimento operaio americano, e della tutt’altro che armoniosa costruzione del New Deal. Ottant’anni fa, il 30 Dicembre 1936, iniziava lo sciopero che aprì al sindacato le porte dell’industria dell’auto.

[Quella Brutta China] Un 2016 di fumetti

Manu Larcenet, Jiro Taniguchi, Gipi, Marino Neri, Flag Press, Tiziano Sclavi, Toni Bruno, Davide Reviati, Riad Sattouf, Shaun Tan, Sonny Liew e tanti altri… Una selezione di fumetti del 2016 a cura di Quella Brutta China

Quando gli oggetti raccontano la violenza. Intervista a Harry Parker

Anatomia di un soldato di Harry Parker (Sur, 2016) narra la storia del giovane capitano Tom Barnes, rimasto gravemente ferito alle gambe durante una missione, e degli amici d’infanzia Faridun e Latif, divisi da scelte opposte. Il conflitto in cui i personaggi sono implicati viene descritto da quarantacinque oggetti – tra cui un sacco di fertilizzante, una radio, una sedia a rotelle, uno specchio, una banconota, un rasoio, una borsetta – che prendono voce per ricomporre le vicende di chi deve fare i conti con la violenza della guerra.

[Quella Brutta China] Case editrici e nuove forme di autoproduzione: una chiacchierata su Flag Press con Gabriele Di Fazio e Ratigher

 – Zazie Vostok- [Quella Brutta China è il focus di 404 dedicato all’arte del fumetto e dell’illustrazione. Ogni mercoledì ci proponiamo di ospitare saggi, recensioni, segnalazioni brevi e interviste. Potete leggere i primi articoli cliccando qui] [Questa intervista è stata precedentemente pubblicata su Dancing Asteroid, il blog dell’autrice] Ciao Francesco, ciao Gabriele, mettetevi comodi, siete assolutamente i…

La sposa meccanica: sesso, morte e tecnologia da McLuhan a Ballard

 – Giulio Argenio – Le ambientazioni distopiche vivono ormai da anni una fortuna che non può essere ignorata. Libri, film, serie televisive e videogiochi sfruttano con grande profitto atmosfere care alla fantascienza e all’orrore; i recenti eventi politici (su tutti l’elezione di Donald Trump) sembrano inoltre destinati ad imprimere ulteriore forza a questo fenomeno. Anche…

[TraDueMondi] Luciano Lama e il Corporati(vi)smo: una prospettiva interpretativa sugli anni Settanta.

– Niccolò Serri – I termini “corporativismo” e “corporatismo” sono spesso utilizzati in maniera equivalente. La pagina che la versione inglese di Wikipedia dedica al termine li riporta semplicemente come sinonimi, mentre quella italiana si concentra solamente sul primo, limitando la sua analisi alle dottrine economico politiche della prima metà del XX secolo.  Il portale…

[Quella Brutta China] I giorni della rabbia: otto storie per il Crack Festival

 – Giovanni Bitetto – Applicare l’aggettivo “generazionale” a un prodotto culturale può essere un’operazione scivolosa: da un lato si suggerisce una lettura immediata della contemporaneità, una testimonianza di un preciso momento storico; dall’altro propizia i germi della dissoluzione che verrà, sottrae l’opera al suo carattere universale per relegarla a un ambito sin troppo stigmatizzato, come…

Solo andata

40. Vivere a parte. Riflessioni di un’attrice squattrinata in Danimarca.
Il teatro è un luogo che permette di abitare la vita, pur costituendosi come universo a parte nella società. È una posizione complessa, che riflette la condizione di chi oggi vive e lavora altrove.