[TraDueMondi] La “rivoluzione silenziosa”: le rimesse degli emigrati italiani, 1861-1914

– Andrea Incerpi – I precedenti articoli di Gabriele Cappelli e Giacomo Gabbuti hanno descritto le principali caratteristiche dell’emigrazione italiana per gli anni 1870-1945. Tra queste le rimesse degli emigrati, il denaro che gli italiani inviavano alle famiglie rimaste in patria, rappresentano un argomento ancora oggi dibattuto all’interno della letteratura scientifica. La loro importanza può…

[TraDueMondi] Esportare lavoratori qualificati: una lunga storia italiana? Le scuole professionali tra fine ‘800 e inizio ‘900

– Chiara Martinelli Il rapporto annuale della Fondazione Migrantes sugli italiani iscritti all’AIRE ha riproposto nel dibattito italiano l’ormai annosa questione dei “cervelli in fuga”, ovvero dell’emigrazione dei lavoratori ad alto capitale umano, che pure in Italia (come è stato già discusso da Gabriele Cappelli su questo focus) sono molto meno presenti che negli altri…

Solo andata

40. Vivere a parte. Riflessioni di un’attrice squattrinata in Danimarca.
Il teatro è un luogo che permette di abitare la vita, pur costituendosi come universo a parte nella società. È una posizione complessa, che riflette la condizione di chi oggi vive e lavora altrove.

Solo andata

Ogni storia non è altro che una serie di suoni alla quale un rapsodo cerca di dare un ordine e un senso. L’armonia che ne risulta ci racconta quel che le note della realtà dicono di noi, delle nostre traiettorie, dei nostri destini.

Solo andata

Ogni storia non è altro che una serie di suoni alla quale un rapsodo cerca di dare un ordine e un senso. L’armonia che ne risulta ci racconta quel che le note della realtà dicono di noi, delle nostre traiettorie, dei nostri destini.

Solo andata

Ogni storia non è altro che una serie di suoni alla quale un rapsodo cerca di dare un ordine e un senso. L’armonia che ne risulta ci racconta quel che le note della realtà dicono di noi, delle nostre traiettorie, dei nostri destini.

Solo andata

Studiare letteratura in Italia e in Francia: cosa cambia? cosa significa cambiare metodologia letteraria? cosa si scopre del metodo altrui e del proprio?

Solo andata

35. Stato dei luoghi – Raffaello Rossi – Preambolo Sto partendo. Da alcuni giorni mi dedico anima e corpo a un lavoro che eseguirò necessariamente in modo imperfetto: la cancellazione delle mie tracce da quella che, nella finzione superficiale di conversazioni scritte o parlate, da circa un anno chiamavo «chez moi», «casa mia», «home». Così…

Solo andata

Cosa si intende per fuga dei cervelli? È più corretto parlare di fuga dei cervelli o di emigrazione? Qual è la specificità italiana rispetto ad altri paesi europei? Ne abbiamo parlato con il sociologo Lorenzo Beltrame.

Solo andata

33. L’argomento della scelta e la tesi della liquidità – Fred Cavermed – Quando gli italiani che vivono all’estero parlano della loro esperienza sottolineano spesso il fatto che difficilmente possono definirsi “emigrati” e l’argomento principale che apportano risiede nel fatto che loro, a differenza dei vecchi emigrati italiani partiti con una valigia di cartone, hanno…

Prossimamente al Festivaletteratura di Mantova

La rentrée letteraria e culturale italiana è segnata, da vent’anni a questa parte, dal Festivaletteratura di Mantova. Mercoledì prossimo, il 7, (ma con anteprima questo fine settimana) inizierà la XX edizione, che durerà fino a domenica 11 settembre. 404: file not found sarà presente per raccontarvi alcuni dei numerosissimi eventi in programma, ma sarà anche protagonista,…

Solo andata

32. Ritorno – Isadora Bilancino – Quando abbiamo ricevuto questo pezzo nessuno, nemmeno l’autrice, poteva immaginare cosa sarebbe successo di lì a poco in Turchia. Abbiamo scelto di pubblicarlo comunque, senza modifiche: l’impatto è forte ma ci ricorda di metterci sempre in discussione, che le prospettive e gli sguardi mutano. Ultimamente, nel tentativo di sentire ancora…

Solo andata

31. Divano in affitto – Jessica Mazzotti – Una notte senza vento, come testimonia più di un dio, un cattivo poeta, in buona fede, seduto sul divano in affitto, nel continente dov’era nato, ma non sullo stesso suolo, si stancò di tutte le parole che gli parevano confini e inghiottì il silenzio come si inghiotte…

Solo andata

30. Balla, scimmietta – Nicole Siri – È una serata importante per la casa editrice/libreria indipendente/galleria d’arte dove lavoro, c’è un ospite di prestigio. Per questo la ditta sfodera il suo meglio: la fontana giapponese è accesa e mormorante, la sala è profumata da cascate di fiori, il catering è firmato da Gérard Mulot, uno…

Solo andata

29. Non commutative – Rocco Tagliacarta – Entro piano in bagno, prendo il primo orinatoio libero. Sto per iniziare, mi distraggo e l’occhio mi cade sulla curva superficie di porcellana, leggendone il marchio: Ideal Standard. Il logo era totalmente cambiato, l’ultima volta in cui l avevo visto avrò avuto sì e no diciott’anni. Una volta…

Solo andata

28. Stanca di Londra, stanca della vita -2 – Maria Catena Mancuso – 25 giugno 2016 Cara Gaia, come stai? Ti scrivo dall’altra parte della Manica, che da ieri sembra essere più lontana. Com’è andata la manifestazione del 23? Ho letto delle dure restrizioni per chi partecipava e dei 18 fermi. Raccontami… Difficilmente dimenticheremo questo…