Gomorra – La Serie

di Valerio Valentini

youfeed-gomorra-la-serie-sbarca-su-sky-atlantic

Capita poche volte che un autore realizzi due opere di uno stesso genere, e che per due volte consecutive i suoi lavori vengano accolti, da molta parte della critica, come il miglior risultato raggiunto in quel determinato genere. È quello che è successo a Stefano Sollima, regista della serie Romanzo Criminale nel 2008 e ora direttore artistico della serie Gomorra, andata in onda, in dodici episodi, sui canali Sky dal 6 maggio al 10 giugno scorsi, con una media di 700mila spettatori a episodio. E capita altrettanto raramente che un solo autore – Roberto Saviano, nella fattispecie – sappia contribuire a realizzare, sulla base di un medesimo soggetto, tre opere (un romanzo, un film e una fiction) di straordinario successo, trattando di una materia che fino a pochi anni prima era ritenuta un argomento di nicchia. È per questo che Gomorra – La serie merita di essere analizzata e studiata.

Scelte stilistiche e rischio di mitizzazione.

Il dibattito sul rischio della mitizzazione e della possibile emulazione di boss e criminali da parte del pubblico, che oggi accompagna puntualmente qualsiasi film o serie televisiva incentrati su storie di mafia, è un fatto relativamente nuovo. Fino a una decina di anni fa, era solo una ristretta minoranza che, guardando film più o meno recenti (da Scarface a Il Padrino fino a La Piovra), sottolineava questo pericolo, rimanendo perlopiù inascoltata. Oggi non è più così e, tutto sommato, c’è da esserne soddisfatti: è indice di una maggiore maturità dei vari commentatori rispetto al fenomeno della criminalità organizzata e al modo di raccontarlo.

Tuttavia, questo tipo di critica ha raggiunto, mi pare, un livello parossistico, che finisce spesso con l’isterilire la discussione intorno a questo tipo di opere, riducendola alla domanda: l’autore ha saputo demitizzare abbastanza le figure dei boss? Si tratta di un bizzarro corto-circuito: nell’ansia di stabilire se il cattivo di turno è sufficientemente cattivo e la sua cattiveria per nulla desiderabile, si mettono nell’ombra i dettagli della narrazione, che in realtà concorrono in maniera determinante all’effettiva caratterizzazione dei protagonisti dei film di mafia.

È proprio quello che è avvenuto, e sta avvenendo, intorno alla serie Gomorra. Da più parti si è biasimato l’ideatore della fiction, Roberto Saviano, il regista Stefano Sollima e i suoi collaboratori (Francesca Comencini e Claudio Cupellini), per aver indugiato troppo sugli aspetti più cruenti e macabri della realtà della Camorra, col rischio di scadere nel solito “manierismo” del crimine che produce «decine di emuli» (Michele Serra, su Repubblica dell’11 giugno). Ma è soprattutto un’altra la critica rivolta a Gomorra che mi sembra significativa: quella – formulata, tra gli altri, da Marco Demarco sul Corriere della Sera del 5 giugno – di raccontare la realtà di Napoli solo dalla soggettiva dei camorristi, ignorando invece la parte migliore della città e dei suoi abitanti. È significativa, questa critica, perché esprime molto chiaramente l’aspettativa di una larga porzione di pubblico di trovare, nei testi e nei film sulle mafie, una distinzione netta e inequivocabile tra il Bene e il Male (ben più netta e ben più inequivocabile di quanto non sia nella realtà).

In Gomorra – La serie, invece, il Bene non c’è, come controparte che si oppone al Male, perché descrivere quell’opposizione non rientrava negli scopi di Saviano. Il quale intendeva, evidentemente, raccontare la Camorra dal di dentro, immergendo lo spettatore nell’ambiente assurdo e abominevole – eppure vero, esistente – da cui la Camorra nasce e si sviluppa. Il metodo adottato sembra riprodurre, seppur con fini diversissimi, quello in uso presso le gang di criminali e narcos sud-americani, che filmano le proprie imprese, le esecuzioni dei loro rivali, le iniziazioni dei loro affiliati, per poi diffondere quelle immagini e ribadire la propria efferatezza. Una testimonianza dal cuore della criminalità, insomma: un qualcosa di simile a quello che aveva voluto fare, con altri mezzi e altro stile narrativo, Christian Poveda nel suo La Vida Loca, lungometraggio realizzato dal reporter spagnolo durante un suo periodo di frequentazione diretta di una Mara salvadoregna (esperimento che, non casualmente direi, viene raccontato anche in ZeroZeroZero). Quello di Saviano, quindi, è un intento prettamente documentario, che si serve di una narrazione immediata, in presa diretta, e che vuole darci l’impressione di essere dei partecipanti muti e invisibili di una realtà altrimenti inconcepibile per chi non la vive.

A rendere possibile tutto ciò, senza però privare il racconto di una sua efficacia narrativa, contribuisce lo stile magistrale di Stefano Sollima, direttore artistico dell’intera serie e regista di alcuni episodi. Sollima e Saviano sono riusciti a realizzare una fortunata sintesi tra quelli che, fino ad oggi, sono i due modelli principali per raccontare le storie di criminalità. Da un lato c’è il gangster-movie all’italiana, nel quale le vicende criminali vengono descritte dalla prospettiva deviata e (inevitabilmente) deviante dei boss, attraverso un ritmo serrato e una fusione esaltante di musica e immagini: un modello inaugurato da Michele Placido con Romanzo Criminale (2005), e portato ai suoi esiti migliori proprio da Sollima nella serie tratta dal medesimo libro di Giancarlo De Cataldo nel 2008. In quello stesso anno, però, usciva Gomorra di Matteo Garrone, che per la prima volta sceglieva di raccontare la realtà criminale della Camorra attraverso un realismo esasperato che rendeva i vari boss assolutamente repellenti (estremizzando una tendenza che nel romanzo di Saviano era meno marcata).

La serie Gomorra si colloca proprio nel punto di congiunzione tra questi due modelli narrativi e tra le passate esperienze di Sollima e Saviano. Ed è così che questa sorta di richiamo al Neorealismo si coniuga con una tradizione più moderna e internazionale. La lingua dei protagonisti, ad esempio, è un napoletano che rasenterebbe l’incomprensibilità per molti telespettatori (se non fosse per l’attenzione degli attori a scandire alcune determinate parole nelle quali si condensa il senso di intere frasi), ma che fornisce un’imprescindibile coloritura ai dialoghi; discorso analogo per le Vele di Scampia e Secondigliano che, lungi dall’essere semplici fondali, risultano parte viva, indispensabile della narrazione. Contemporaneamente, però, il montaggio di molte scene che tende ad essere frenetico, e i movimenti di camera ricercati (soprattutto durante le scorribande motociclistiche di Gennaro Savastano e dei suoi amici) e per nulla ridotti all’essenziale, concorrono a rendere molto più godibile il racconto. E poi c’è l’uso – assolutamente azzeccato – della musica, che non risulta solo una cornice, ma un vero e proprio contrappunto di molte immagini. Si tratta di un’abilità di cui Sollima aveva dato ampio sfoggio già nella serie Romanzo Criminale (gli affezionati ricorderanno l’uccisione del Terribile sulle note di Tutto il resto è noia, l’agguato al gruppo di neofascisti su Fatti più in là, la retata della polizia su Pazza idea e il dialogo tra il Freddo e Donatella su Lilly di Venditti). In Gomorra questo utilizzo della musica a fini espressionistici è meno compiaciuto; eppure in parte lo si ritrova, ad esempio, nella scelta di creare contrasti tra scene diverse ricorrendo a musiche che variano dal diegetico all’extradiegetico (come nella sequenza della partenza di Salvatore Conte dalla Spagna sulle note del Lacrimosa, o in quelle in cui Gennaro e Ciro cantano canzoni in dialetto napoletano), con risultati davvero apprezzabili.

Di quale Gomorra si parla?

Sin dall’inizio, la serie è stata presentata, da Sky stessa, come «tratta dal romanzo di Roberto Saviano», e la formula è stata riproposta un po’ da tutti. In realtà, però, quello che la serie racconta, oltre a temi generali che riguardano la storia e la natura della Camorra già affrontati nel libro (la faida degli scissionisti a Scampia e Secondigliano, il ruolo tutt’altro che secondario delle donne nella gestione degli affari dei clan, la dimensione finanziaria e imprenditoriale raggiunta dalle organizzazioni criminali), quello che la serie racconta, dicevo, è soprattutto quello che è venuto dopo il libro Gomorra. E con dopo mi riferisco sia alle ricerche condotte da Saviano successivamente all’uscita del romanzo (2006), sia all’evoluzione dei clan camorristici del napoletano negli ultimi cinque o sei anni.

Per quanto riguarda il primo aspetto, la principale fonte documentaria di molti degli episodi descritti nella fiction risultano le dichiarazioni rilasciate a Roberto Saviano da Maurizio Prestieri, boss del Rione Monterosa e braccio destro di Paolo Di Lauro (detto “Ciruzzo ‘o milionario”, e Ciro è il nome del protagonista della fiction, i cui autori si sono spesso divertiti a creare bizzarre coincidenze di nomi, di luoghi, di circostanze tra fatti reali e finzione narrativa). Nel corso dei colloqui con Saviano, pubblicati su Repubblica nel febbraio 2011, Prestieri ripercorse la sua carriera criminale come esponente di spicco dell’Alleanza di Secondigliano prima, e del clan Di Lauro poi. Molti dei dettagli presenti in quei racconti, molti retroscena svelati da Prestieri e fino ad allora ignoti, si ritrovano nella serie Gomorra.

L’iniziazione di Genny Savastano, figlio del boss Pietro e suo erede designato alla guida del clan, costretto ad uccidere un tossico per mostrare di avere le qualità richieste ad un uomo di Camorra, è evidentemente ricalcata su quella di Cosimo Di Lauro, figlio del boss Paolo, sin nei dettagli: Genny, infatti, dapprincipio impreparato, come lo era Cosimo, a rivestire i panni del capo, proprio come Cosimo sbaglia mira e non riesce ad uccidere il suo facile bersaglio. Una figura poco onorevole per entrambi, coperta, in tutti e due i casi, da un silenzio tassativo imposto dal padre dell’iniziato. Anche la villa faraonica di Pietro Savastano, costruita dirimpetto alle Vele, ricorda quella descritta da Maurizio Prestieri come la sua “reggia”, che il boss volle proprio nel centro di Secondigliano, per ribadire il suo ruolo di padrone indiscusso nel suo territorio, di “capo nel recinto”. C’è poi la faida tra i Savastano e i Conte, che ricalca per molti aspetti quella tra i Prestieri/Di Lauro e il clan di Antonio Ruocco; come Paolo Di Lauro, tra l’altro, anche Pietro Savastano decide di inasprire il conflitto col clan rivale dopo che quest’ultimo si rende protagonista di una strage efferata in un bar di Secondigliano, con tanto di mitra e bombe a mano. L’elezione del giovane sindaco di Giugliano, sul quale i Savastano decidono di puntare nonostante non sembri avere alcuna possibilità di vittoria, è molto simile a quella di Alfredo Cicala, eletto sindaco di Melito, contro ogni pronostico, per volere di Prestieri e Di Lauro.

Di tutte queste dinamiche proprie delle organizzazioni camorristiche, è interessante notare come Saviano e Sollima riescano a fornire una spiegazione di rara efficacia attraverso una racconto fluido e coinvolgente. Esempi emblematici di questa fusione di rigoroso intento didascalico e di pathos narrativo, sono le descrizioni dell’allestimento di una nuova piazza di spaccio e del suo funzionamento (non credo che, ad oggi, ne esistano rappresentazioni migliori), o della compravendita dei voti fuori dal seggio elettorale. E la capacità di mostrare le tragedie di Napoli nella loro genuinità, non si restringe alla sola realtà camorristica: si pensi alla vicenda di Don Pietro all’interno di Poggioreale, e soprattutto alla sequenza in cui sua moglie Imma arriva a fargli visita, saltando la sterminata fila di facce stravolte da ore di attesa dinanzi all’entrata del carcere, oppure all’immondizia che in più occasioni compare come un accessorio ormai abituale di banchine e marciapiedi.

Ma, come dicevo, la serie Gomorra intende mostrare anche gli sviluppi più recenti dei clan, su cui si è fatto luce solo negli ultimissimi anni. Innanzitutto l’adozione, da parte della Camorra, di metodi analoghi a quelli usati già da tempo dalla ‘ndrangheta calabrese nella gestione delle trattative con i narcos sudamericani per l’acquisto diretto della cocaina, senza l’intermediazione di altre organizzazioni criminali e a prezzi molto più vantaggiosi.

In secondo luogo, Saviano ha voluto raccontare il radicale ricambio in seno ai clan camorristici dell’hinterland napoletano. Se è vero che tali ricambi avvengono ciclicamente nella storia delle organizzazioni criminali, nelle quali la rottamazione delle classi dirigenti ormai anziane avviene con metodi piuttosto risolutivi, bisogna comunque sottolineare che quello che sta avvenendo in questi ultimi anni è qualcosa che non ha precedenti. I boss più anziani dei clan di Scampia e Secondigliano, almeno quelli sopravvissuti alla faida scissionista di fine anni ’90, sono stati costretti, dal carcere o dalla latitanza, ad un ruolo marginale. I vertici dei clan sono stati così scalati da una generazione di giovani criminali, spesso – ed è questa la novità assoluta – poco più che adolescenti, che hanno deciso, forti della loro presenza attiva sul territorio, di rompere il cordone ombelicale con i vecchi capi, disobbedendo agli ordini e venendo meno anche a quelle regole non scritte che governavano le dinamiche delle organizzazioni. E quando alcuni dei gerarchi più anziani, stanchi di essere messi nell’angolo, hanno tentato di riassumere la guida delle cosche, le nuove leve si sono opposte, e spesso per farlo non hanno esitato a sparare.

Ora, nella serie Gomorra, questa rottura generazionale si evidenzia sin dalla sequenza che apre il primo episodio, in cui il giovane Ciro cerca di spiegare ad Attilio, affiliato cinquantenne del clan Savastano, il funzionamento di Facebook, e subito dopo gli propone una canzone di Franco Ricciardi e Ivan Granatino che Attilio rifiuta come “troppo moderna”. «Sei tu che sei antico» – ribatte Ciro. Questa chiave di lettura resterà valida per tutto il resto del racconto: Don Pietro Savastano incarna un boss affermato ma ritenuto da molti non più infallibile e, approfittando di una faida con un clan rivale e della sua reclusione al 41 bis, i ‘uagliunciell che prima guardavano ai più anziani come a dei capi rispettati, cominceranno a cercare, con sempre più arroganza, con sempre meno lucidità, di rimpiazzare “i vecchi”.

E ovviamente le culture delle due generazioni, separate da non più di vent’anni di differenza, vengono rappresentate nella loro assoluta, irriducibile diversità. Quello di Genny e dei suoi amici è un mondo in cui i valori classici della Camorra vengono in larga parte stravolti: i giovani criminali fanno uso di cocaina – assolutamente vietata ai boss di un tempo – e usano le armi con una disinvoltura eccessiva che tradisce la loro impreparazione, si mostrano poco rispettosi delle divisioni territoriali tra clan e incapaci di giungere a mediazioni vantaggiose per tutti. Sanciscono la loro supremazia rimorchiando le donne dei rivali nelle discoteche, salvo poi rivolgersi alla protezione dei genitori per appianare i conti con i capi-zona che loro hanno offeso. Una generazione di frustrati e mammoni, inadatti alla crudezza della vita che è data loro in sorte, che rimediano a questa loro inettitudine ricorrendo ad una violenza incontrollata e del tutto illogica.

Nessuno si salva?

La Camorra raccontata dal di dentro, dicevamo. Una lunga apnea in un mondo retto da norme assurde e spietate, in cui nessun riscatto sembra pensabile. Anche i valori comunemente ritenuti positivi, come quelli della religione, sono stati distorti: le case dei boss sono piene di crocifissi e immagini sacre, i santini di Padre Pio (santo sempre più amato dalle cosche, tanto da rimpiazzare San Gennaro a Napoli e San Michele nella Locride) sono immancabili nei portafogli dei criminali, e sono anzi usati da loro come distintivi di riconoscimento. C’è addirittura chi entra in chiesa a pregare prima di dare inizio ad una nuova faida. Gli unici sprazzi di umanità, di integrità morale, si mostrano appunto come fugaci apparizioni dietro la divisa di un direttore del carcere incorruttibile o nelle rughe di una madre che fa di tutto, e invano, per impedire a suo figlio di lasciarsi fagocitare dal clan del suo rione.

Eppure sarebbe sbagliato pensare che Gomorra metta in scena un mondo di criminali, di carnefici irredimibili. Piuttosto, quello che la fiction mostra è un ambiente nel quale la scelta della criminalità si offre spesso come unica alternativa: per trovare un lavoro, per reagire a un’ingiustizia, per ricevere l’assegnazione di un appalto. Ma anche, banalmente, per sopravvivere, perché altro non è possibile scegliere. E di questo esercito di reclute assoldate, verrebbe da dire, loro malgrado, la maggior parte è destinata a finire in carcere, o a morire, in un tempo davvero esiguo. Solo per pochissimi privilegiati essere un ragazzo di camorra significa poter conoscere, seppur brevemente, la fama e il potere, la ricchezza e il rispetto di tutti. E così, mentre Genny Savastano può permettersi di arrivare in parata nella piazza del suo quartiere, dove ad accoglierlo trova tutti i suoi amici in atto di venerazione nei suoi confronti, e il cantante neomelodico più in voga del momento che dedica una canzone d’amore alla ragazza su cui il giovane boss vuole far colpo, negli stessi istanti – è una scena a contrasto di particolare bellezza – il suo coetaneo Pasqualino, condannato a dieci anni per una rapina in cui non è riuscito nemmeno a intascare qualcosa, si impicca nella squallida cucina di una cella sovraffollata di Poggioreale.

Un’attenzione particolare è dedicata, dagli autori della serie, agli adolescenti. Immersi sin dalla nascita in una quotidianità atroce, quella delle Vele di Scampia e Secondigliano, di cui non avvertono affatto l’abominio, per loro l’educazione criminale comincia dapprima come un gioco (straziante la sequenza finale del primo episodio, in cui i ragazzini si addestrano a fare le vedette per le piazze di spaccio), poi come un’emulazione dei più grandi, e poi, senza soluzione di continuità, come un’ordinarietà esaltante e naturale al contempo.

Ma è proprio vero che nei ragazzi che decidono di diventare camorristi, questa decisione avvenga in maniera assolutamente inconsapevole? Forse no. Forse, in ognuno di quei ragazzi c’è un istante di disorientamento, di umano, istintivo rigetto di una realtà nauseante. Ce lo rivela lo sguardo perso di Diego, un ragazzino che, proprio nell’ultimo episodio, viene adescato e sottratto alla madre da Genny Savastano con l’intento di farne il suo personalissimo allievo prediletto. Diego si ritrova nel mezzo di una sparatoria all’interno di un teatro, una sparatoria di cui lui non capisce cause e dinamiche: vi assiste inerme e angosciato. È un attimo, in cui Diego non sa letteralmente che fare. Combattere le mafie, per un comunità che fosse convinta di poterle sconfiggere, significa impegnarsi ad essere presenti in quell’attimo, e mostrare a Diego la possibilità, e la convenienza, di una scelta diversa da quella della Camorra.

P.S. Resta da capire come mai la Rai abbia voluto perdere la collaborazione di Roberto Saviano dopo la sua partecipazione a Vieni via con me, e non si sia proposta come produttrice della fiction, (contribuendo invece, negli ultimi anni, alla realizzazione di vari cinepanettoni, riconosciuti tra l’altro come film di interesse culturale dal Mibac). Il caso ha voluto che proprio mentre andavano in onda gli ultimi episodi di Gomorra, Matteo Renzi fosse impegnato in un viaggio diplomatico in Cina, con lo scopo dichiarato di voler promuovere il made in Italy. Nelle stesse ore, gli scandali sull’Expo rendevano molte società asiatiche piuttosto scettiche sull’opportunità di investire i loro capitali in Italia, e si apprendeva che, forse anche a seguito degli esiti dell’inchiesta sul MOSE, la candidatura di Cortina e Venezia per i mondiali di sci del 2019 veniva bocciata a vantaggio di Åre (Svezia). Non vorrei che la logica berlusconiana della criminalizzazione di libri e film sulla mafia, che farebbero al nostro Paese una cattiva pubblicità all’estero, si sia affermata, come molti altri elementi del berlusconismo, in una parte di classe dirigente ben più larga di quella tecnicamente berlusconiana. Ci sono tanti modi per “strozzare” chi scrive libri e realizza serie televisive sulle mafie. Uno di questi è cercare di ridurli, tacitamente, al silenzio, o anche solo alla marginalità.

4 Comments Add yours

  1. Andrea Lombardi ha detto:

    Condivido gran parte dell’analisi di Valentini, ma vorrei approfondire alcune questioni già messe in luce in questo articolo. La prima cosa che mi viene da dire è: meno male che la serie sia stata prodotta da Sky e non dalla Rai. Questo per due ragioni. La prima riguarda la qualità che Sky garantisce rispetto alla Rai. Questione di potere economico, certo, ma anche di serietà e competenza (chi segue lo sport, ad esempio, sa bene che un conto è seguire una partita del Campionato del Mondo di calcio su Rai 1, un altro è vederla trasmessa sui canali di Sky Sport). La seconda ragione riguarda, invece, il pubblico: quello della Rai non è quello di Sky. Il primo vuole Don Matteo, il secondo Gomorra, Il Trono di Spade, The Blacklist, House of Cards, solo per dire le più recenti (non a caso Sky ha creato un canale apposito per le serie televisive, Sky Atlantic, dove è appunto andata in onda Gomorra – La serie). Ora, al di là del valore delle serie televisive in onda su Sky, è evidente un divario in termini di pubblico (un divario, credo io, soprattutto anagrafico, e sono certo, anche se non ho controllato i dati, che il pubblico che ha visto Gomorra sia prevalentemente formato da persone tra i 18 e i 35 anni). Premettendo che non voglio inserirmi nel dibattito, ormai vecchio, sul perché in Italia non esistano serie tv al livello di quelle americane (per me la questione è anzitutto una questione di genere, negli Stati Uniti la serie tv rappresenta un genere e un tipo di narrazione ben codificati, in Italia ancora non si è capito se la serie tv è un film a puntate o un serial o altro: si tratta sempre di avventure staccate con un unico protagonista, possibilmente storie di omicidi risolte da un personaggio che di mestiere non fa il poliziotto o il magistrato, roba che negli Stati Uniti facevano, e facevano molto meglio, trent’anni fa), l’attenzione al pubblico è fondamentale, soprattutto se legato discorso della mitizzazione dei personaggi. E’ ovvio che un pubblico giovane, come è stato quello di Gomorra, può essere più incline a vedere i personaggi della serie come epici, e quindi a identificarsi. Aspetto, quella della identificazione, che è ed è stato, a partire già dal “fratello maggiore” di Gomorra, Romanzo criminale, di grande dibattito. La cosa interessante e, credo, inevitabile, è che alla fine lo spettatore finisca necessariamente col “tifare” per qualcuno: chi per Ciro, chi per Genny (come ho fatto io), chi per il ritorno di Don Pietro, chi per i giovani o per i vecchi del clan. Questo perché non ci sono mai i “buoni”, cioè quelli che in una storia di clan e omicidi, dovrebbero, naturalmente, rappresentare i buoni, cioè le forze dell’ordine. Non essendoci, noi siamo portati istintivamente a “cercarceli” tra i protagonisti, creando noi stessi gli eroi del film, che sono comunque tutti eroi del negativo. E l’epicità dei personaggi era l’obiettivo di Sollima, non a caso ogni personaggio principale ha avuto un suo regista personale, e quindi una costruzione cinematografica individualizzata.

    Tuttavia, la questione che a me ha destato più interesse è quella legata al cambio generazionale. Senza la presenza di Pietro Savastano, recluso e impossibilitato a gestire il clan, questo si trova spaccato: da un lato i giovani guidati da Genny, che dopo la spedizione in Sudamerica, che si è rivelata una vera e propria Bildung, è tornato con la volontà di prendere le redini del clan sostituendo il padre, dall’altro i vecchi cresciuti con la gestione di Don Pietro. Le due generazioni sono lontane, e lo scontro è inevitabile. I giovani rappresentano l’esuberanza, l’euforia, la violenza incondizionata data dal potere di avere un’arma in mano e la totale mancanza di rispetto nei confronti di chi ha più esperienza di loro. I vecchi mostrano, invece, razionalità, valore della tradizione, e una certa dignità del ruolo, se così si può dire. Ed è evidente come il regista voglia mettere in evidenza proprio questa mancanza di serietà e dignità, questa pochezza e superficialità dei giovani rispetto ai vecchi. Le nuove leve, infatti, si atteggiano a camorristi, o meglio, amano l’idea di esserlo. E amano il contorno: in realtà si rivelano una versione scadente del camorrista, tutta esteriore e vuota, goffa e bambocciona: emblematica la scena in cui si trovano tutti rintanati in una casa, nel momento più teso di tutta la storia, quando Genny aspetta che qualcuno gli dica dove è nascosto Ciro. Nel momento che dovrebbe essere il più eroico della loro vita da camorristi, e quindi della loro vita, il regista ce li mostra intenti a giocare ai videogiochi, a tirare cocaina e a scherzare. L’immagine chiave è rappresentata da uno di questi giovani camorristi, il più spietato, mentre gioca a un videogame, uno di quelli con gangster e sparatorie, e impugna una pistola finta e spara a un nemico virtuale: ecco, in questa scena viene rappresentata la nuova generazione del clan Savastano e probabilmente di un clan in generale. E’ una generazione attenta all’apparenza e al contorno, a ciò che veramente non conta in un clan alla cui base stanno dei valori, incarnati dalla vecchia generazione. A ben vedere, Sollima e Saviano non hanno fatto altro che riversare all’interno delle dinamiche di un clan le caratteristiche fondamentali delle nuove generazioni.

    In mezzo a queste due generazioni sta Ciro, che anche anagraficamente sta a metà. Ciro è il personaggio più problematico della serie, colui che fa da mentore a Genny e che poi, una volta preso atto di come Genny sia cambiato e quanto sia diventato determinato e forte, inizia a tramargli contro. Ciro infatti non può più condizionarlo, non può più avere potere su di lui e quindi non ha più potere di decidere le sorti del clan. Il tradimento di Ciro lascia, però, qualcosa in sospeso: mi sono chiesto se esso non sia dovuto a ragioni estranee alla logica del potere, che sembrano quelle più evidenti (Ciro ha perso il controllo su Genny e quindi sul clan e sulle possibilità di scalata all’interno della gerarchia). Quando Genny torna dal Sudamerica è un uomo privo di sentimenti, non è più il Genny affettuoso nei confronti della madre e che vive pendendo dalle labbra del suo migliore amico Ciro (anche nella gestualità: niente abbracci, niente baci). Genny è diventato il boss, e vuole dimostrarlo. Ora è lui il capo e non ha bisogno dell’aiuto di nessuno, neanche di Ciro (“Sono io il figlio di Pietro Savastano, non tu”, gli dice a un certo punto). Quello che mi sono chiesto è: il tradimento di Ciro non potrebbe essere giustificato da una reazione a quello che può essere visto come un altro tradimento, quello di Genny nei confronti di Ciro stesso, nei confronti della loro amicizia? Per me può essere una chiave di lettura.
    Questo tradimento, però, Genny non lo accetta: non solo vuole trovare Ciro e ucciderlo, ma compie un gesto simbolico: prende un bambino, il Diego cui ha accennato Valentini, perché gli serve un ragazzino per entrare a uno spettacolo. Nel viaggio in macchina, gli spiega quale affare deve sbrigare e gli dice che lo farà diventare un “grand’omm”, ma a una condizione: gli deve promettere di non fidarsi mai di nessuno, “nemmeno di me”. Genny si pone come mentore del ragazzino, così come Ciro è stato il suo, ma neanche di chi ti ha insegnato tutto ti puoi fidare. Diego lo deve tenere ben presente.

  2. Andrea Lombardi ha detto:

    Aggiungo, sulla questione relativa alla serie tv come genere e al rapporto con le produzioni statunitensi: non a caso Gomorra è stata definita molto “americana”.

  3. Vincenzo Fatigati ha detto:

    Alcuni punti di divergenza:
    – nella prima parte si cerca di rispondere ad un’accusa che nasce da un’equazione messa forse in modo parzialmente scorretto: il pericolo dell’emulazione derivato da una certa produzione cinematografica, nella fattispecie quella di “Gomorra La seria” . In realtà, quando certi critici negli scorsi anni hanno fatto riferimento al fenomeno del “gomorrismo”, non intendevano affermare solo banalmente che il racconto di mafia generasse cattiva pubblicità, o che generasse emulazione; ma spesso (si veda il caso di Dal Lago) si spingevano a critiche in merito: il pericolo era quello di un racconto della mafia che si soffermasse sugli aspetti morbosi, sui dettagli macabri, cinematografici, spesso epici della mafia; piuttosto che su quelli economici/politici. Un linguaggio che rischiava di confondere narrazione simbolica con quella reale, brand di “Gomorra”, con una realtà che aveva mille sfaccettature, colori, volti diversi e non poteva essere semplificata con un’immagine manichea, semplificata di “Bene” contro il Male. E proprio su questo si sono scagliate le numerosi associazioni di Scampia, contro una strumentalizzazione del racconto mafioso dettata da strategie di marketing che rispondevano più ad esigenze di mercato che a quelle documentaristiche (i fatti risalgono al 2004)!
    – E a questo punto viene la seconda nota: nell’articolo si cerca di mostrare una simmetria tra la prospettiva narrativa di Saviano e quella dei registi di “Gomorra- La serie”. In realtà, se forse andiamo più a fondo, per dirla con le parole di Aldo Grasso, vi è una differenza fondamentale: che in Saviano scrittore, per non parlare del Saviano divenuto icona e personaggio televisivo, si legge ancora una distinzione Bene contro Male, c’è ancora la creazione di una prospettiva quasi martiriologica di chi si pone con rabbia contro il sistema, e proprio su questo punto Aldo Grasso (e non solo) ha appuntato le sue critiche. Ovvero vi è il tentativo di costruire una narrazione letteraria, ma anche televisiva, a partire da un vittimismo costruito sul ritmo del rituale. Il processo di santificazione mediatica è l’effetto naturale di chi si pone contro una narrazione mitologica del Male. E, sempre secondo le parole del critico televisivo, questo sarebbe un punto a favore della serie: aver spersonalizzato il male, rendendolo onnipresente, banalizzandolo quasi e quindi rendendolo più realistico. In questo senso il realismo apparterrebbe più alla serie che al romanzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...