Dalla A alla W – Un anno di musica italiana

di Marco Mongelli

Per il consueto appuntamento di fine anno con la musica italiana si è scelto di segnalare le uscite – LP, EP, 7″ – oltre che secondo un inevitabile giudizio di gusto, e quindi di valore, soprattutto secondo un criterio di significatività: si sono privilegiati quindi quei lavori che appaiono più o meno innovativi, rispetto a un genere o rispetto alla traiettoria del gruppo.
L’album dei Calibro 35 è senz’altro uno dei più belli del 2013, ma è uguale ai precedenti. Quello dei Cani, invece, è solo brutto.
Musicisti diversi per gusti e formazione, prodotti e pubblicati da etichette anche straniere, ma accomunati forse come mai prima d’ora dal significato materiale del termine indie, compongono questa selezione a 24.
Ogni scelta è accompagnata da un brano e da un link che rinvia all’ascolto dell’album integrale su Rockit, Spotify o Soundcloud.
Al solito, non è una classifica: l’ordine è alfabetico.
Enjoy!

A  Copy for Collapse, The last dreams on earth, Seahorse Recordings


Alessandro FioriCascata, ViceVersa Records/Audioglobe


AmariKilometri, Riotmaker Records

B.M.C. Big Mountain County, 7″ BMC, La Cantina del Rock

CosmeticArnia, La Tempesta Dischi

CosmoDisordine, 42 Records

Eterea PostBong BandBIOS, La famosa etichetta Trovarobato, Audioglobe

Fast Animals and Slow Kids, Hybris, Audioglobe/Woodworn

Fine Before You CameCome fare a non tornare, La Tempesta Dischi

Gazebo Penguins, Raudo, To Lose La Track

Gli AltriFondamenta, Strutture, Argini, DreaminGorilla Records/Taxi Driver

Julie’s HaircutAshram Equinox, Santeria/Woodworm

Kafka on the ShoreBeautiful but empty, La Fabbrica/Venus Dischi

Loveless WhizzkidWe were only trying to sleep, Seahorse Recordings / Audioglobe

Love the UnicornSports, We Were Never Being Boring

m+a, These days, Audioglobe, Monotreme records

New Adventures in Lo-Fi, Take Took Taken, Autoprodotto

NiagaraOtto, Goodfellas, Monotreme Records

Porcelain RaftPermanent Signal, Secretly Canadian


Selton, Saudade, Ghost Records

Soviet SovietF A T E, Felte


Spiritual FrontBlack Hearts in Black Suit, Rustblade

Tiger! Shit! Tiger! Tiger!Forever young, To Lose La Track/Audioglobe


Wolther Goes StrangerLove can’t talk, La Barberia Records


7 commenti Aggiungi il tuo

    1. non male! grazie della segnalazione
      Marco

    2. Vittorio ha detto:

      forti i departure ave! se dobbiamo aggiungere qualcosa metterei anche l’h: http://www.youtube.com/watch?v=Sa3B9koLcck
      mentre l’ultimo dei julie’s haircut non l’avrei considerato particolarmente significativo (un po’ piatto?).
      Invece dai che in fondo I Cani dal vivo sono simpatici :)

      1. His Clancyness non mi ha convinto molto, lo preferivo prima e in generale con gli A Classic Education.
        Quello dei Julie’s invece mi ha fortemente impressionato.
        Per i Cani boh, magari sono stato sfortunato a non vederli live.. :)

        Marco

  1. hamlin ha detto:

    Interessante, molto. Concordo sui Cani, e noto con piacere gli Eterea (che di solito non se li fila mai nessuno). Ma per me vincono a mani basse i Massimo Volume…

    1. secondo me per i MV vale un po’ il discorso dei Calibro35: altro ennesimo bel disco, ma poco di nuovo.
      Marco

  2. lorenzo.migliaccio@hotmail.com ha detto:

    grazie per i Fast Animals & Slow Kids. Su un genere diverso dalla playlist ci sarebbero loro http://www.youtube.com/watch?v=HorzBp6EQeA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...